CHI SONO

Fano è la città del cuore, il cuore della mia famiglia.

Le mie origini

Mio nonno paterno era siciliano, di Roccalumera, si innamorò di una triestina e la sposò. Mio nonno materno era di Torino, fu conquistato da una pugliese, di Torremaggiore, e la volle come moglie.

Sud e Nord, Nord e Sud. Incrociando con due linee immaginarie questi quattro punti d’Italia, si scopre che all’intersezione, nel cuore del Paese, per la mia geografia affettiva, c’è Fano, la città dove i miei genitori, Elda e Giuseppe, si trasferirono per vivere e lavorare nel 1972, due anni prima che io nascessi.
Fano è la mia città, qui sono cresciuta, mi sono formata, ho stretto le mie più importanti relazioni d’amicizia e d’amore, qui sono nati i miei figli e ho mosso i primi passi della mia esperienza politica.

Fano è la mia passione

L’amore per questa città me lo trasmisero proprio mio padre e mia madre, che la scelsero allora per la qualità della sua vita urbana, un valore aggiunto irrinunciabile per chi come loro proveniva da una grande città come Milano.
Ricordando quell’esempio e constatando quanta parte di quella qualità della vita nel frattempo si è smarrita, oggi con la testa e con il cuore nutro un sogno: #fanosicuradise, perché torniamo a prendere in mano il nostro destino di cittadini dopo anni in cui come comunità locale abbiamo perso servizi e occasioni di sviluppo, permettendo che le decisioni fossero calate dall’alto o prese altrove e imposte; #fanosicuradise a partire dai bambini, dai disabili e dagli anziani; #fanosicuradise per rispondere ai bisogni dei suoi abitanti e per valorizzarne i talenti diffusi, #fanosicuradise per promuovere le sue risorse culturali e le potenzialità economiche del territorio, #fanosicuradise perché la sicurezza pubblica, sanitaria, sociale, ambientale, stradale della comunità locale sia la nostra cifra.

In onore delle mie bisnonne, mi chiamo Marta Carmela Raimonda Ruggeri, ho 44 anni, dopo aver studiato al liceo classico Nolfi di Fano ho conseguito la laurea in Lettere moderne presso l’Università di Urbino, con un master in letteratura contemporanea alla Sorbona di Parigi e la specializzazione per l’insegnamento rilasciatami dall’Università Statale di Milano. Proprio a Milano cominciai ad insegnare lettere in un Liceo scientifico.

La mia famiglia

Quando decisi di sposarmi e mettere su famiglia scelsi di tornare a vivere a Fano. Ora sono la mamma di due bambini, un maschietto di 11 anni e una femminuccia di 9, e continuo a insegnare lettere con molta passione presso il Liceo scientifico e musicale Marconi di Pesaro.

Il mio impegno politico

La mia prima iniziativa di cittadinanza attiva la sperimentai con altre mamme per la riqualificazione dei Passeggi. Circa 10 anni fa iniziò il mio attivismo nel Movimento 5 Stelle. All’inizio avevamo un solo consigliere comunale e un gruppo ristretto di appassionati attivisti. Nel 2014, candidandomi come capolista del Movimento 5 Stelle di Fano, fui eletta consigliera comunale e poi vicepresidente del consiglio comunale. Ho ricoperto lo stesso ruolo nella commissione consiliare che sovrintende a cultura e turismo e attualmente lo svolgo in quella al bilancio.

Il mio maggiore impegno politico in questi anni, svolto attraverso tante iniziative (incontri, presidi, mobilitazioni, raccolta di firme, istanze istituzionali), è stato teso a difendere l’ospedale cittadino Santa Croce e i servizi pubblici di Fano; ho combattuto battaglie per la trasparenza e la legalità in ogni ambito amministrativo comunale, per la partecipazione politica, per il sostegno ai cittadini più fragili, fossero essi malati, anziani, bambini o persone che hanno perso il lavoro; mi sono attivata perché la cultura, in ogni sua forma, fosse da stimolo al rilancio del turismo, spendendomi anche per la rinascita del porto con la marineria e la cantieristica e per favorire nel territorio le piccole e medie imprese e il commercio di prossimità in contrasto con la grande distribuzione; ho operato per la tutela dell’ambiente e per promuovere una mobilità dolce e sostenibile.

Il mio futuro

Oggi la responsabilità che, in vista delle elezioni amministrative di Fano di maggio/giugno 2019, ho accettato di assumere a nome del mio gruppo, che su me ha posto la sua fiducia proponendomi la candidatura a sindaca, costituisce una sfida enorme oltre che un grande onore. Chi mi conosce sa che ho sempre affrontato ogni momento della vita, anche i più difficili, con grande impegno, con fiducia e anche con un sorriso.

La squadra che ho intorno a me e il sostegno dei miei concittadini, che sento forte in ogni occasione di confronto, sono le condizioni per cui oggi mi sento sicura nell’affermare che il Movimento 5 Stelle è pronto a guidare questa città.

Sono fiera di sottoporre ai miei concittadini le nostre idee, che nascono dall’esperienza e da un confronto allargato con i soggetti economici e sociali e con i singoli cittadini, fiduciosa che il riscontro sarà positivo come lo è stato finora, certa che potremo realizzare insieme questi progetti affinché il domani, per noi e i nostri figli, sia migliore dell’oggi e perché Fano torni ad essere una città accogliente e ricettiva, guidata da una visione di sviluppo volitiva e unitaria, capace di riconquistarsi una posizione da protagonista nella Regione, con un ruolo di rilievo nel Paese e una presenza attiva nel mercato globale.

In questo modo, il sogno di #fanosicuradise diventerà un progetto realistico, il progetto sostenibile, inclusivo e strategico di tutti i fanesi.

Certificato Penale

Curriculum Vitae