SICUREZZA DEL TERRITORIO

Con Marta Ruggeri sindaca, Fano è sicura di sé grazie a una pianificazione urbanistica e una gestione del territorio che valorizzano la qualità della vita e l’inclusione sociale tramite lo sviluppo della mobilità ciclopedonale e l’abbattimento delle barriere architettoniche, tutelano la salute mettendo fine alla cementificazione del suolo e riducendo l’inquinamento atmosferico da traffico veicolare e riscaldamento, promuovono l’economia con la riqualificazione urbanistica e lo sviluppo delle infrastrutture. Il disegno è quello di integrare le varie funzioni residenziali, produttive, culturali, ricreative e di mobilità mettendo al centro il cittadino con le sue esigenze e i suoi diritti, in particolare i soggetti più deboli come i bambini e i disabili, per realizzare una città accessibile, sostenibile e sicura per tutti. Priorità sarà data al riuso edilizio, alla rigenerazione urbana dei luoghi degradati a favore di usi sociali e spazi pubblici, alla connessione tra centro urbano e zona mare e tra centro urbano e zone decentrate, alla promozione del centro storico e alla valorizzazione dei quartieri e delle frazioni, al mantenimento delle aree agricole e alla manutenzione del territorio contro i processi di dissesto idrogeologico.

 

7.1 La rigenerazione urbana e la revisione del Prg

Obiettivo primario della giunta della sindaca Marta Ruggeri sarà quello di porre un limite al consumo continuo e spesso sconsiderato del territorio, favorendo l’utilizzo di volumi già esistenti e la riconversione urbanistica delle aree edificabili.

Si punterà allo sfruttamento degli edifici già esistenti attraverso la sostituzione o riqualificazione progressiva del costruito partendo dagli insediamenti degradati, scadenti e divoratori di energia, facendo attenzione a non aumentare i carichi urbanistici delle varie zone. La rigenerazione urbana sarà sviluppata attraverso un programma operativo finalizzato a migliorare la qualità architettonica della città e a incrementare le prestazioni ecologico ambientali degli insediamenti. A questo scopo sarà adottato un regolamento comunale che preveda degli incentivi sulla tassazione comunale per quanti parteciperanno al programma attuando l’efficientamento energetico degli involucri edilizi e degli impianti e l’adeguamento antisismico delle strutture. Gli incentivi proposti potranno sommarsi a quelli presenti a livello nazionale e regionale.

Inoltre, si procederà a una revisione del Piano regolatore generale modificando gli indici di edificabilità, ove possibile, e ridefinendo i singoli comparti urbanistici, con meccanismo di incentivi o disincentivi. Per quelli commerciali e residenziali non oggetto di lottizzazione, che non hanno possibilità di sfruttamento economico per il sovradimensionamento del piano regolatore attuale, saranno accolte le richieste di cambio di destinazione d’uso, da edificabile ad agricola o verde pubblico o privato, presentate dai cittadini al fine di non soggiacere ulteriormente a una gravosa aliquota Imu. Inoltre, verrà studiata la possibilità di adottare la cosiddetta “banca delle cubature”, con la quale ai proprietari di immobili o di aree edificabili definiti di interesse pubblico si potrà consentire, previo cambio di destinazione urbanistica, di utilizzare in aree diverse la cubatura che viene liberata a favore dell’ente locale, in conformità con gli strumenti urbanistici e senza alterare la densità edilizia complessiva.

Nella revisione del Prg, si provvederà a porre un vincolo urbanistico su quegli immobili che abbiano un particolare valore storico artistico, come villa Tombari, al fine di evitare scempi della memoria pubblica come quello perpetrato di recente nell’area dell’ex mulino Albani con l’abbattimento di un manufatto di archeologia industriale per fare posto a un supermercato senza la capacità di recuperarlo a una funzione sociale e neppure la sensibilità per conservarne una parte significativa, seppure ridotta, a testimonianza della sedimentazione antropica del luogo.

Scelte elettive saranno quelle relative alla rigenerazione di aree e immobili pubblici e anche privati di particolare rilievo urbanistico, inutilizzati e in stato di abbandono, affinché insieme al recupero del decoro urbano diventino luoghi privilegiati di interazione sociale e di innovazione culturale o produttiva, con servizi pubblici e attività private. Preferenziale sarà attivare un processo di condivisione delle scelte con i residenti del territorio e i portatori di interessi, in particolare per quegli immobili che definiscono la memoria o l’identità di un luogo, come l’ex colonia Mater Purissima di Ponte Sasso e l’ex albergo Torrette dell’omonima frazione, o per quelle aree strategiche per gli usi urbani come l’ex Agip. Fondamentale in ogni caso sarà avviare un’interlocuzione con le proprietà, soprattutto per gli immobili privati.

Riguardo all’ex caserma Paolini, vista l’importanza che l’edificio riveste per la città, sia come luogo della memoria dell’ex Centro avviamento reclute dell’Esercito italiano sia per l’attuale funzione di parcheggio gratuito del suo cortile interno, la futura amministrazione comunale, disapprovando scelte che venissero calate dall’alto e non condivise, si impegna a rilanciare il dibattito pubblico sulla sua destinazione, con l’intenzione di coinvolgere la proprietà statale in un progetto di riqualificazione orientato al pubblico interesse ed economicamente sostenibile, di cui si candida a svolgere il ruolo di capofila. Per quanto riguarda la destinazione dell’ex convitto Vittoria Colonna essa appare già vincolata dal progetto nazionale dell’Inps, che vi vuole realizzare un pensionato di lusso, mentre per ciò che attiene ad altri due luoghi urbanisticamente sensibili come l’ex ospedaletto e l’area dell’ex zuccherificio il programma #fanosicuradise indica l’opzione  del centro regionale di cure palliative pediatriche previsto dal progetto della Fondazione Maruzza per l’immobile della Regione e quella di un parco tecnologico che favorisca l’innovazione, aggregando imprese e stimolando la ricerca, per l’area con gli scheletri dei capannoni.

Riguardo all’assetto complessivo del territorio urbano, con la collaborazione delle associazioni degli agricoltori, sarà presidiata la corretta manutenzione delle aree agricole riguardo alla gestione dei canali di scolo e del versante dei frontisti dei fossi stradali al fine di prevenire fenomeni di dissesto idrogeologico.

 

7.2 Il riassetto urbano

La pianificazione urbanistica della sindaca Marta Ruggeri perseguirà il modello di una città policentrica. I quartieri non centrali e le frazioni non saranno considerati luoghi periferici bensì poli aggregativi della vita urbana. Per ognuno di essi verrà predisposto un piano di sviluppo specifico e sostenibile. Come richiesto dai componenti della città delle bambine e dei bambini si punterà ad avere per ogni quartiere una zona aggregativa di verde attrezzato, per aumentare la socialità e la possibilità di gioco all’aperto, coinvolgendo nella gestione e nella manutenzione gli stessi cittadini. Ogni quartiere dovrà essere collegato con il centro tramite piste ciclopedonali e mezzi pubblici di trasporto, disporre di una rete commerciale che soddisfi le esigenze primarie, fruire di una piazza come centro di relazione, essere attrezzato con una sede comunale affidata alle associazioni che garantisca servizi e attività di quartiere. Tutto ciò favorirà la diminuzione del traffico e il presidio del territorio.

Le frazioni più piccole saranno valorizzate attraverso la costituzione di una consulta permanente con funzioni di programmazione e di coordinamento degli interventi necessari, coinvolgendo i residenti. Si incentiverà l’apertura di almeno un esercizio pubblico con funzione di prossimità. Le frazioni più caratteristiche e con vocazione turistica verranno inserite nel programma di sviluppo turistico.

Il centro storico sarà rilanciato come cuore pulsante della vita cittadina, luogo primario della socialità urbana, area di attrazione turistica, sede elettiva di attività culturali e zona privilegiata di attività economiche, in particolare del settore terziario, alle quali è indirizzata una serie di incentivi sulle tasse comunali.

Sarà migliorata la connessione tra centro città e zona mare con i collegamenti ciclopedonali. Il fronte mare verrà valorizzato attraverso una migliore interazione urbanistica tra porto e città, promuovendo le vocazioni del mare, dal turismo alla nautica alla pesca, e progettando nuove opere di connessione, di servizio e di arredo, che favoriscano la socialità e le relazioni tra cittadini e tra zone urbane. Andrà valutata l’opportunità di pedonalizzare nella stagione estiva, quantomeno per fasce orarie, la zona mare urbana oltre il Lido e quelle delle frazioni a Sud di Fano, dove la misura potrà essere sostenuta efficacemente dalla realizzazione di parcheggi a monte della ferrovia dotati di servizi di bike sharing a di disposizione residenti, bagnanti e turisti.

 

7.2.1. Le richieste dei quartieri

La giunta della sindaca Marta Ruggeri presterà particolare attenzione alle richieste che provengono dai quartieri, che sono state raccolte direttamente dalla voce dei cittadini durante gli incontri organizzati con il programma di ascolto. Quella che segue è una rassegna essenziale delle problematiche emerse, che andrà completata con quanto verrà rappresentato nei prossimi eventi.

L’ascolto dei cittadini è una risorsa insostituibile per Marta Ruggeri e sarà praticata anche e soprattutto nella fase progettuale ed esecutiva delle opere, perché gli interventi della futura amministrazione siano in sintonia con le esigenze avvertite da quanti nei quartieri vivono e lavorano.

Bellocchi:  funzionamento della centralina per il rilevamento delle PM10 (è stata riattivata da poco) e PM 2,5 ben più dannose, viabilità sicura e ciclabili di collegamento con il centro città, zone verdi curate e realizzazione di sgambatoi, decoro della zona industriale e infrastrutture adeguate alle imprese, controllo e mitigazione dell’inquinamento industriale.

Caminate: completo isolamento dalla città anche con il trasporto pubblico.

Carignano: riapertura delle terme, asfaltatura delle strade, individuazione di centri di socializzazione e incentivo per l’apertura di negozi di vicinato e mercato itinerante, trasporto pubblico importante per riportare al ripopolamento della zona e per farla funzionare.

Carrara, Cuccurano e Falcineto: realizzazione della scuola, contrarietà all’insediamento in loco del digestore anaerobico, collegamenti ciclopedonali sicuri con la città, possibilità di un parco di archeologia industriale.

Centinarola: sicurezza delle strade di collegamento con il centro città anche con idonea illuminazione, realizzazione di ciclabili e marciapiedi, revisione della viabilità con l’individuazione di sensi unici, rallentatori davanti alla Chiesa, realizzazione di strisce pedonali e decoro urbano, valorizzazione dei parchi e delle strutture ricreative.

Centro storico: incentivare nuove attività all’apertura per evitare lo spopolamento progressivo del centro storico, trovare soluzioni per ridurre i canoni di affitto, progressiva pedonalizzazione con contestuale realizzazione di parcheggi di servizio e riqualificazione strutturale di aree strategiche condividendo il percorso con i cittadini, necessità che il mercato resti in centro e maggior controllo da parte delle forze dell’ordine, parcheggi gratuiti per i clienti, promozione delle attività commerciali fatta in sinergia.

Fano2, Fanella e Flaminio: miglioramento della viabilità e asfaltature, individuazione e assegnazione di spazi per la socializzazione, cura del parco giochi per bambini, rete fognaria su via Roma.

Fenile: parco riqualificato da salvaguardare anche con l’installazione di telecamere, cura e manutenzione della pista ciclabile, riorganizzazione della viabilità e realizzazione di un collegamento alla strada provinciale.

Gimarra: degrado lasciato dalla lottizzazione incompiuta di Fano Alta (in via di risoluzione forse con il fondo Cives), divisione del quartiere dalla statale, collegamento ciclabile molto pericoloso e complesso dalla zona centrale del quartiere rialzata al centro cittadino, mezzi pubblici non sufficienti né agevoli, necessità di ricorrere molto spesso all’auto, per esempio per andare a scuola, con il completamento edilizio del quartiere ci saranno ulteriori problemi relativi al traffico per il prevedibile notevole aumento di abitanti e quindi anche di auto in circolazione, poche attività commerciali solo sulla statale quindi non fruibili in modo facile e sicuro, non ci sono luoghi di socializzazione tranne il bar davanti alla chiesa nuova, per i giovani del quartiere l’unica attività sportiva possibile è il campo di calcio e il campetto dietro la vecchia chiesa.

Lido: messa in sicurezza della pista ciclabile e dei percorsi pedonali, cura del verde e del decoro, organizzazione di eventi di prestigio attrattivi per i turisti, risoluzione del problema degli allagamenti in viale Cairoli (ora in corso), abbattimento delle barriere architettoniche, trovare una soluzione nella stagione estiva all’inquinamento acustico proveniente da alcuni locali pubblici.

Paleotta, Poderino e Trave: messa in sicurezza della pista ciclabile, cura del verde almeno nei parchetti esistenti ma in stato di abbandono, coinvolgimento dei cittadini e delle associazioni nelle decisioni assunte dall’amministrazione, progressiva scomparsa dei negozi di vicinato, regolare o limitare il processo di trasformazione di villette in palazzine che sta portando a grossi squilibri nel carico urbanistico dell’area, in particolare in termini di parcheggi, affrontare le problematiche di viabilità relative all’attivazione dell’interquartieri, mantenimento del piccolo commercio, tutela di Villa Tombari.

Rosciano: la mancanza del collegamento con Fano, punti molto critici a livello di sicurezza viabile (ad es. area di ingresso nel quartiere di fronte alla chiesa e punti di attraversamento della Flaminia).

San Lazzaro: asfaltature, realizzazione di marciapiedi, abbattimento delle barriere architettoniche, riqualificazione delle aree sportive per il gioco libero di bambini e ragazzi, sicurezza garantita tramite un incremento della video-sorveglianza, revisione della viabilità che ora risulta insicura, risoluzione del problema degli allagamenti in via Del Fiume, potenziamento del Santa Croce, oltre che per l’importanza dei servizi offerti, anche perché è il volano per l’economia di prossimità.

Sant’Orso: revisione della viabilità e delle piste ciclabili, maggiore sicurezza nel quartiere con l’incremento di telecamere, realizzazione di uno sgambatoio per cani.

Sassonia: scogliere da ultimare, rendere efficiente la rete fognaria e delle acque chiare in modo che gli scolmatori non scarichino a mare, con il successivo problema del divieto di balneazione, strada delle barche da sempre inutilizzata per il suo scopo ed ora bisognosa di recupero per infiltrazioni e sgretolamento del cemento, riqualificazione lungomare, telecamere nel parcheggio dello Sport Park.

Torrette, Metaurilia, Ponte Sasso e Tombaccia: incrementi dei trasporti pubblici di collegamento con il centro cittadino, maggiore cura al decoro urbano, manutenzione delle strade e fognature, miglioramento della viabilità, realizzazione di piste ciclabili di collegamento con la città in sicurezza, cura delle sponde del fiume con l’aiuto di associazioni e cittadini, ponte ciclo-pedonale sul Metauro, problema dello stoccaggio dei fanghi e il comparto Torroni per risolvere principalmente il problema delle fognature.

Vallato: riqualificare la piazzetta davanti alla Chiesa, necessità di una  maggiore illuminazione delle strade, compreso il foro Boario, mettere in sicurezza gli attraversamenti pedonali, risolvere il problema degli allagamenti del sottopassaggio, manutenere con cura le strade, miglioramento della viabilità, riqualificare i giochi e gli arredi dei Passeggi.

 

7.3 La riqualificazione e il potenziamento delle infrastrutture

Il miglioramento della qualità della vita urbana e lo sviluppo delle potenzialità dell’economia locale sono strettamente legati alla riqualificazione e al potenziamento delle infrastrutture della mobilità con l’opportuna realizzazione di poli intermodali per lo scambio tra gli spostamenti a piedi, in bicicletta, in automobile, in autobus e in treno (anche in barca, per quanti svolgono attività diportistica o peschereccia, e in aereo, per chi pratica voli sportivi o turistici). Fano ha una concentrazione di infrastrutture che costituisce una risorsa esclusiva nell’ambito del territorio provinciale da promuovere per le potenzialità economiche e sociali e indirizzare verso uno sviluppo sostenibile e responsabile. Per quanto riguarda la viabilità si tratta di ristrutturare quella urbana per migliorarne la sostenibilità e la sicurezza e di sviluppare quella extraurbana e a lunga percorrenza rimuovendo storiche insufficienze. Deve essere realizzata la strada delle barche a servizio della nautica, il porto va potenziato nelle sue diverse funzioni previa eliminazione del problema dell’insabbiamento, l’aeroporto deve essere promosso seconda la sua vocazione slegata dal trasporto pubblico di merci e passeggeri mentre va riaperta la ferrovia Fano-Urbino in abbinamento, e non in alternativa, alla mobilità ciclopedonale.

 

7.3.1 La viabilità urbana da rivoluzionare

La giunta della sindaca Marta Ruggeri assegna una notevole importanza alla rivoluzione della viabilità urbana al fine di migliorare la vivibilità della città. Innanzitutto, sarà predisposto un piano urbano delle piste ciclabili, da finanziare regolarmente ogni anno, per realizzare una rete di collegamenti per la mobilità pedonale e in bicicletta tra le frazioni, i quartieri e il centro, del tutta alternativa a quella del traffico motorizzato. Ogni zona della città, attraverso queste infrastrutture, dovrà essere raggiungibile in sicurezza e in tempi relativamente brevi secondo le potenzialità di una città medio piccola disposta completamente in pianura come Fano. A questo piano si accompagnerà la ristrutturazione della viabilità ordinaria affinché, avvicinandosi al centro città, la carreggiata riservata ai veicoli motorizzati si restringa progressivamente a favore di chi si sposta in bicicletta e a piedi, che dovrà fruire di percorsi dedicati e marciapiedi spaziosi. Tutto ciò sarà previsto dal piano urbano per la mobilità sostenibile, che in un orizzonte temporale di medio-lungo periodo, svilupperà una visione di sistema della mobilità urbana, proponendo il raggiungimento di obiettivi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica nell’integrazione con l’assetto e gli sviluppi urbanistici del territorio.

Nel breve periodo sarà incentivato il trasporto pubblico locale, rafforzando il servizio a chiamata per i quartieri a bassa densità abitativa e per le frazioni con l’eventuale coinvolgimento di un servizio taxi cittadino a tariffe concordate, verranno realizzati parcheggi scambiatori con sosta gratuita in zona decentrate, sarà promosso e potenziato il servizio di bike sharing anche convenzionato con attività di vendita e riparazione di biciclette.

Nel centro storico saranno progressivamente ampliate le zone pedonali, riqualificando luoghi di pregevole interesse urbanistico ed architettonico, anche mediante interventi strutturali di riqualificazione della pavimentazione e dell’illuminazione, e mediante un piacevole e funzionale arredo urbano. L’innovazione sarà concordata con residenti e operatori economici e sarà accompagnata dall’attivazione da un servizio continuo di bus navetta elettrico per collegare i vari punti del centro storico con i parcheggi scambiatori.

Tutto questo nella logica di una città a misura di bambino che diventa una città più vivibile adatta a tutti.

 

7.3.2 La viabilità extraurbana da sviluppare

Per un’efficiente riorganizzazione della viabilità urbana a favore della mobilità sostenibile è essenziale trasferire all’esterno della città il traffico di lunga percorrenza della statale Adriatica, che ora lambisce il centro storico. Allo stesso modo il traffico proveniente dall’autostrada e dalla superstrada Fano Grosseto dovrà essere filtrato e smistato, impedendo che penetri nel centro della città. Esemplare dell’inefficienza e dell’alta pericolosità dell’attuale rete viaria, causa della quotidiana congestione del traffico in varie ore della giornata e del conseguente aumento dell’inquinamento atmosferico e acustico, è l’asfittico snodo posto all’intersezione tra via Roma e viale Gramsci, che convoglia il traffico di attraversamento della città a ridosso delle principali emergenze storiche di Fano, Porta Maggiore e Arco d’Augusto, in una zona estremamente critica anche per la presenza del capolinea del servizio di autotrasporto pubblico locale. E’ questo il segno più clamoroso della carenza di pianificazione di cui la città soffre da decenni per responsabilità delle precedenti amministrazioni comunali di vario orientamento politico, che si sono dedicate al tema senza una visione strategica, tanto che la strada interquartieri è tronca, morendo davanti al parcheggio del circolo tennis, e neanche le notevoli opere compensative della terza corsia dell’A14, realizzate a spese di società Autostrade, risolvono il problema, anzi in un certo senso l’aggravano, perché dopo la soppressione del casello di Fano Nord, anch’esse non garantiscono uno sbocco al traffico veicolare in direzione di Pesaro.

In ogni caso, è da escludere un valore strategico all’ipotesi di realizzare il terzo tratto della strada interquartieri fino a Gimarra posto che tutto il traffico finirebbe sulla statale Adriatica, inadeguata a sopportarlo lungo un percorso che nei mesi estivi è anche preso d’assalto dai bagnanti con auto lasciate in divieto di sosta su entrambi i lati fino a invadere le corsie di marcia. Non appare condivisibile neppure l’ipotesi di ripristinare il casello di Fano Nord, il progetto originario fu giudicato dalla Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici delle Marche invasivo rispetto ai valori paesaggistici e ambientali della valle del torrente Arzilla, sottoposta al vincolo ambientale stabilito 30 anni fa da Regione Marche e Comune di Fano. Il cosiddetto casellino da e verso Nord non sarebbe un’opzione soddisfacente sotto alcun punto di vista, né viario, né ambientale. Una soluzione da valutare è la prosecuzione verso Pesaro della bretella viaria programmata da società Autostrade dalla frazione di Tombaccia, a Sud di Fano, alla località di Belgatto. A questa strada andrebbe raccordata l’interquartieri per realizzare il percorso alternativo all’attuale tracciato della statale Adriatica, atteso da decenni, che sposterebbe il traffico di attraversamento di Fano, proveniente dalla statale, dalla superstrada e dall’autostrada, all’esterno della città liberando il centro cittadino.

La futura amministrazione di Marta Ruggeri, lavorando in sinergia con gli enti competenti, darà priorità a quest’opera infrastrutturale che assumerebbe un rilievo nazionale potendo collegare attraverso la Fano Grosseto, una volta che la superstrada sarà completata, il capoluogo della provincia di Pesaro Urbino e la sua area industriale al versante tirrenico della penisola e, in particolare, al porto di Livorno, strategico per i traffici commerciali. Pertanto, il progetto potrebbe essere finanziato da Anas.

A questo riguardo, la beffa dell’inutilità del traforo della Guinza e l’interruzione del tracciato della Fano Grosseto sono macchie sulla razionalità della progettazione infrastrutturale che la politica deve eliminare. Pertanto, la sindaca Marta Ruggeri si impegnerà, anche in sinergia con i tre parlamentari del Movimento 5 Stelle di Fano, perché Governo e Anas dispongano lo sblocco dei lavori della superstrada attraverso il finanziamento della seconda canna della galleria della Guinza, data l’importanza strategica della connessione trasversale tra le due coste dell’Italia centrale che sarà resa possibile dalla strada dei due mari.

 

7.3.3 La strada delle barche da realizzare

Il mercato della nautica da diporto è in ripresa, grazie soprattutto alla domanda estera, ma Fano si avvia a farsi cogliere di nuovo impreparata per l’assenza delle infrastrutture minime necessarie. Ancora, dopo anni in cui se ne parla, manca la strada delle barche e il pescaggio del porto è insufficiente a varare le imbarcazioni a vela.

La giunta della sindaca Marta Ruggeri metterà in agenda questa infrastruttura, affrontando le problematiche relative alla realizzazione di un adeguato cavalcavia che consenta di superare l’ostacolo della linea ferroviaria, di cui si parla da anni senza alcun progresso, e cercherà adeguati finanziamenti per agevolare un settore economico che è stato trainante per Fano con la disponibilità di un’opera che potrebbe attrarre nuovi insediamenti produttivi.

 

7.3.4 La ripresa del porto

La soluzione del problema dell’insabbiamento del porto è possibile con interventi programmati e strutturali e la futura giunta di Marta Ruggeri si impegnerà per realizzarli al fine di rilanciare il porto di Fano, rimediando all’inefficienza delle precedenti amministrazioni comunali. L’intervento è necessario per dare un impulso decisivo all’economia del mare attraverso i comparti della pesca, della cantieristica navale e del diporto nautico.

La causa principale dell’insabbiamento del porto, che ostacola le attività portuali, è il canale Albani: la maggior parte dei sedimenti che si deposita nel bacino portuale dove l’acqua è più calma, infatti, è di origine fluviale; in parte minore i fanghi sono costituiti dalle sabbie provenienti dalle mareggiate attraverso l’imboccatura del porto.

Il principale problema relativo a questo fenomeno attualmente non è il reperimento delle risorse finanziarie per il dragaggio, essendo stanziati e disponibili appositi fondi regionali, bensì è la necessità di gestire a norma di legge il materiale estratto, sia quello inquinato in seguito a lunga permanenza nei fondali portuali, sia quello pulito. La situazione è stata studiata dal gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle che nel ruolo di opposizione avanzò, a suo tempo, proposte di soluzione seguite solo in parte dall’amministrazione comunale.

In particolare, la sindaca Marta Ruggeri provvederà ad avviare la procedura per la caratterizzazione e l’autorizzazione di una zona di mare, nelle vicinanze della costa di Fano, dove poter immergere i sedimenti non inquinati dragati nel porto, non utilizzabili per il ripascimento delle spiagge perché formati da grani troppo fini, come sono quelli fluviali, rispetto a quanto consentito per ripristinare artificialmente i litorali. La pratica dell’immersione in mare, in aree appositamente dedicate, dopo aver valutato la compatibilità con l’ecosistema marino locale, è consentita e raccomandata dalle procedure previste dall’Istituto superiore per la prevenzione e la ricerca ambientale (Ispra).

La disponibilità di una zona di mare, in cui potere reintrodurre il materiale estratto dal porto, consentirebbe al Comune di Fano di svolgere operazioni di dragaggio frequenti e meno costose rispetto al trasporto dei sedimenti nella zona autorizzata al largo di Ancona, che tra l’altro è a disposizione esclusiva dell’Autorità di sistema portuale del Mare Adriatico centrale. Inoltre, potendo effettuare dragaggi sistematici e frequenti, si ridurrebbe anche il problema dei sedimenti inquinati, essendo la lunga permanenza nel fondale portuale a provocare, nella maggior pare dei casi, il loro inquinamento chimico.  

Oltre a questo, la futura amministrazione commissionerà uno studio per valutare interventi risolutivi, come la separazione del canale Albani dal porto, come fatto a suo tempo nelle vicine Pesaro e Senigallia. Se la soluzione sarà soddisfacente, chiederemo alla Regione il finanziamento per realizzarla. In tal caso, nella progettazione dei lavori portuali conseguenti, sarà cura della sindaca Marta Ruggeri prevedere una cassa di colmata dove smaltire tutti i residui sedimenti inquinati del porto di Fano, come consentito dalle regole di gestione raccomandate dall’Ispra. L’opera non fu prevista quando venne realizzato il porto turistico.

Infine, per quanto riguarda i fanghi derivanti dal dragaggio del 2012 stoccati nei depositi provvisori realizzati nella banchina del porto e a Torrette di Fano nell’area ex Fantasy World, la futura amministrazione si farà parte attiva presso la Regione Marche allo scopo di liberare le suddette aree nel modo più veloce. La vasca di colmata di Ancona, nella quale i sedimenti inquinati del porto di Fano sarebbero dovuti finire secondo l’accordo di programma firmato nel 2008, è stata ultimata e collaudata nel marzo 2015 e non si comprende perché tuttora non si sia provveduto al loro smaltimento. Questa incresciosa e irregolare situazione suscita in particolare le giustificate proteste dei residenti di Torrette, esasperati dal ritardo per lo smaltimento di quei fanghi.

La futura amministrazione provvederà a dare un impulso a tutte le altre attività portuali. In particolare, considerando che la concessione di Marina Group non ha avviato gli investimenti dopo ripetute proroghe, saranno esaminate le concessioni inattive, verificando con i concessionari i motivi dei mancati investimenti. Se necessario saranno attuate soluzioni alternative nell’interesse della collettività.

L’attività del porto deve essere rilanciata connettendo le quattro vocazioni: pesca, cantieristica navale, diporto nautico, ricerca e sviluppo portati avanti dall’Istituto di biologia marina dell’università di Bologna. Uno spettro di risorse che, opportunamente integrate dalla futura amministrazione comunale in un unitario programma di sviluppo, possono incentivare un significativo indotto dell’economica del mare di Fano.

 

7.3.5 Il futuro dell’aeroporto

L’aeroporto costituisce una risorsa del territorio essendo lo scalo aereo più importante della regione dopo quello di Falconara, pur non potendo avere nessuno sviluppo per il trasporto pubblico di passeggeri e merci. Ha svolto e dovrà continuare a svolgere attività sportive, ricreative e didattiche per l’avviamento al volo. Grazie all’aeroporto è stata preservata dal cemento una grande area che in parte potrà diventare parco urbano. Lo scalo aereo potrebbe avere un ulteriore sviluppo in sinergia con il porto turistico e a servizio dell’economia in relazione alle esigenze aziendali di trasporti privati veloci.

Tuttavia, dovrà essere risanata la gestione economica della società Fanum Fortunae che amministra lo scalo, partecipata dal Comune come socio di maggioranza relativa. Dal 1995 a oggi, il Comune ha destinato all’aeroporto circa due milioni di euro, tra investimenti diretti nelle strutture aeroportuali e conferimenti di capitale sociale, senza che queste risorse abbiano portato un ritorno significativo in termini socio economici e di servizi ai cittadini.  Nei limiti consentiti dalla legge, il Comune potrà avere un ruolo nei servizi collaterali alle attività aeroportuali, ricavandone tramite canoni e concessioni anche introiti economici. Perciò, si dovrà mirare al trasferimento dell’infrastruttura dal demanio statale dell’aeroporto a quello comunale, affinché l’ente locale si appropri delle strutture e possa metterne a gara la gestione, riscuotendo i canoni, esercitando comunque un controllo stringente sulle attività svolte al fine da garantirne la regolarità vista l’importanza strategica dell’infrastruttura nell’ambito del trasporto privato.

 

 

7.3.6 La riattivazione della ferrovia Fano Urbino

La futura giunta della sindaca Marta Ruggeri appoggerà il progetto di riattivazione della tratta ferroviaria Fano Urbino, con riscontri documentali sulla sua sostenibilità. Ora che il governo nazionale è disponibile ad investire su tante infrastrutture locali, molto più utili per la generalità dei cittadini e a maggiore incidenza di occupazione rispetto alle grandi opere, c’è l’occasione storica di riaprire la ferrovia Fano Urbino come metropolitana di superficie anche ricorrendo a finanziamenti europei, regionali e privati.

L’infrastruttura ferroviaria dovrà essere affiancata da percorsi ciclabili e naturalistici, contribuendo a creare un sistema vallivo con una valenza anche sportiva, ambientale e turistica. Questa tratta ferrata unirà Fano (legata a Vitruvio), Fermignano (città di Bramante) e Urbino (luogo nativo di Raffaello) passando attraverso borghi di grande fascino storico e architettonico (che recano la memoria di Francesco di Giorgio Martini). Percorsi storici, paesaggistici, architettonici, culturali, enogastronomici potranno costituire un formidabile impulso alle attività turistiche, fruibili con una mobilità intermodale permettendo per esempio di visitare in treno questo grande patrimonio racchiuso in 50 chilometri e di percorrere in bicicletta il percorso inverso, con Fano punto di partenza e arrivo.

Fano ha storicamente e orograficamente una vocazione di luogo di convergenza di interessi e cultura e di città capofila di un territorio, la futura amministrazione di Marta Ruggeri incentiverà questa vocazione in relazione alla Valmetauro, contribuendo a creare nel sistema vallivo attraverso la riattivata tratta ferroviaria per Urbino un’attrattiva anche turistica su scala nazionale e internazionale con le conseguenti favorevoli ricadute economiche e sociali sul territorio.

 

 

 

 

2 thoughts to “SICUREZZA DEL TERRITORIO”

  1. Salve mi chiamo Michele Albano vivo a Fano e sono un infermiere; appoggio in pieno la sezione “sicurezza del territorio” del vostro programma per le prossime elezioni. Mi permetto di condividere con voi una mia idea di una parte di Fano, la zona mare, lido ,porto e sassonia. La mia visione si può sintetizzare in poche parole, la città deve abbracciare il mare e il mare deve entrare nella città. In questo modo, la faccio breve, con le luci che da azzurre tenue diventano sempre più blu man mano che ci si avvicina alla linea di mare. una visione che dall’alto, ma non solo, darebbe a Fano un’immagine unica, spettacolare. E’ un’idea che si può realizzare in poco tempo con costi irrisori ma di un’effetto scenico straordinario. Questa è una idea per rilanciare la città e renderla più bella. Molte altre idee un pò rivoluzionarie ho in mente da molti anni e mi piacerebbe condividerle anche con voi del movimento, se la vera democrazia è partecipazione, com’è d’altronde anche il vostro slogan, allora io sto facendo la mia, con queste idee. Vi saluto cordialmente e vi auguro buon lavoro per la nostra amata città. Disponibile ad un confronto e/o ad illustrare meglio le mie idee. Michele.

  2. Caro Michele

    grazie per il tuo contributo che vaglieremo con attenzione.

    Marta Ruggeri La tua sindaca

I commenti sono stati chiusi.